Ecco perché è importante prendersi cura di sé

Hai mai pensato che prima di cercare l’affetto dagli altri dovresti imparare ad amarti da solo? Molte persone credono che sia un comportamento egoista, io ho capito che mettermi davanti a tutto e tutti ti porta ad essere una persona migliore e decisamente più felice e l’ho capito durante il mio primo viaggio da sola, in quei dieci giorni passati lontano dal mondo che conoscevo sono cambiate molte cose in me, nel mio modo di vivere la vita, ma quella che dà origine ad ogni altra è proprio questa, ho imparato a prendermi cura della persona che sono.

prendersi-cura-di-sè

Il mondo ti ha insegnato a rispettare gli altri, ad essere gentile ed educato, ma nessuno ti ha mai detto di prenderti cura di te, questa è una cosa che devi imparare da solo.

Non aspettare di essere stanco di preoccuparti per le altre persone, di essere sempre quello che sta bene o di lottare per quello che qualcun altro ti ha detto essere la cosa giusta per te; perché quando arriverà quel giorno avrai smesso di ascoltarti da troppo tempo.

Probabilmente cercherai aiuto, lancerai il tuo grido, disperato e silenzioso, alla ricerca di qualcuno che capisca e ti prenda per mano, qualcuno che ti dica che sei al sicuro e che ti protegga da quel mondo che per un motivo o per l’altro hai iniziato ad odiare.

E vorresti che la vita
stesse lì per un momento
ad aspettare
perché tu riprenda fiato
per poter ricominciare
magari a bestemmiare
….. magari a bestemmiare

Idea 77 – Vasco Rossi

Quello che è importante che tu capisca è che quella persona sei tu.

Devi smetterla di cercare aiuto altrove, di pretendere che le persone riconoscano i tuoi pensieri, solo tu sai cosa ti succede dentro e solo tu puoi farti stare meglio.

Io l’ho capito viaggiando, perché quando sei solo in un posto a te sconosciuto non fai altro che seguire i tuoi ritmi e a pensare solo a te per 24 ore al giorno e, a suon di sorrisi e di emozioni, scopri di essere in grado di renderti felice, senza che nessuno sia li ad aiutarti e a prenderti la mano, impari ad essere tutto quello che hai e capisci di bastarti.

Ti rendi conto che il tuo amore è qualcosa di importante e impari a preoccuparti e a dedicare il tuo tempo solo alle persone e alle situazioni che veramente lo meritano.

E sarà proprio per quei pochi eletti che tu sarai una persona migliore, capace di donare affetto senza pretendere niente in cambio, li ascolterai e li aiuterai per il solo piacere di farlo, di tanto in tanto chiederai ancora aiuto ma senza mai aspettarti di riceverlo.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò
che non mi faceva del bene: cibi, persone, cose, situazioni e da tutto ciò
che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso,
all’inizio lo chiamavo “sano egoismo”, ma oggi so che questo è
AMORE DI SE’ 

Charlie Chaplin

E così impari a dire di NO quando i bisogni altrui interferiscono con i tuoi, perché tu hai bisogno di star bene per potere essere d’aiuto agli altri.

Non è un comportamento egoista, se ti privi della tua felicità per il beneficio altrui poi sarai portato a pretendere altrettanto, ecco, questo è egoista. Impara a rendere felici le persone solo per la gioia di farlo, non per i sensi di colpa del non farlo e concentrati solo su chi rimane al tuo fianco per affetto e non per necessità.

Impari a lasciare andare tutto ciò che non riesci a controllare.

Perdiamo così tanto tempo ad affannarci sulle cose che non vanno come crediamo, facciamo il possibile ma la ruota gira a modo suo. Rassegnati, tu non puoi cambiare il mondo, puoi solo prenderti il meglio da quello che ti offre.

Impari ad amare il bello e il brutto di te,

a riconoscere i tuoi difetti e a riderci sopra, perché sono proprio quelli che ti rendono la persona che sei, che ti rendono speciale.

Impari a non perdere mai troppo tempo a mortificarti,

non siamo progettati per essere perfetti, sbagliamo, sbagliamo continuamente. Accettalo, non puoi tornare indietro per cambiare le cose, impara dai tuoi errori e vai avanti.

Impari a regalarti felicità ogni volta che puoi.

Questa è la tua vita, è il tuo tempo, non permettere che ti venga portato via dai doveri che la società ti impone, non esiste solo la casa da pulire e le faccende da sbrigare, meriti molto più di questo. Riempilo con ciò che ami, regalati un viaggio, un concerto, un giorno al mare, una gita in montagna, ogni volta che puoi.

Prenditi quello che sei
e non rimpiangerti mai
se non ti piaci, vedrai…
non cambierai

Guarda che cielo che hai
guarda che sole che hai
guardati e guarda cos’hai
e… guarda dove vai! 

Guarda dove vai – Vasco Rossi

E impari ad essere il meglio di te, senza doverti preoccupare di essere perfetto

Perché sei, prima di tutto, un essere unico, ed è per questo che è così importante che tu non smetta mai di prenderti cura di te, per non dimenticarti di quanto straordinario tu sia. E quando l’avrai capito sarai in grado di apprezzare il meglio ed affrontare il peggio di tutto quello che il mondo ha da offrirti.

Il giorno in cui sono partita per il mio primo viaggio ne ho iniziato uno che non è mai terminato, perché ora so come sia importante rendermi felice e quindi la cerco questa felicità, continuamente.

Se credi che quest’articolo possa essere utile condividilo su tutti i tuoi social, perché troppo spesso le persone dimenticano quanto sia importante mettere se stessi al primo posto.

Come al solito ti ricordo che puoi seguirmi anche su Facebook per rimanere aggiornato sui prossimi articoli 😉

Ecco perché è importante prendersi cura di sé ultima modifica: 2016-06-15T16:25:39+00:00 da Francesca
Previous Post Next Post

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Roberta 27 marzo 2017 at 14:47

    Davvero bellissimo! Ogni tanto bisogna ricordarsi di mettere noi stessi davanti a tutto il resto e non è egoismo. Negli anni ci sto provando, anche se non è semplice.

  • Reply Ugo 5 gennaio 2018 at 14:26

    Ciao prima di tutto complimenti per questo bellissimo articolo, leggendolo mi sono un po emozionato perche’ sono le senzazioni che ho provato durante il mio cammino di Santiago fatto da solo(naturalmente incontrando altri pellegrini con cui ho condiviso parte del cammino) dove per la prima volta mi sentivo libero nel prendere delle decisioni senza essere condizionato nel sentirmi dire perche’ fai cosi perche ti vesti cosi ecc.ecc.Prima di questo cammino ne avevo gia fatti sei in compagnia ed e’ per questo che ancor di piu’ho capito qello che si aquista camminando da soli con i propri pensieri.(e’ anche vero che alla fine della giornata faccendo un riassunto non ti ricordi piu’ cosa ai pensato qusto e’ sucesso ha me e’ segno che la mia mente era libera)Spero di aver espresso in modo soddisfacente le mie emozioni.Un caro saluto.

  • Leave a Reply