Creare l’itinerario di viaggio perfetto per noi

Pianificare ogni cosa o lasciare tutto al caso?

Vediamo come fare a creare l’itinerario di viaggio perfetto per noi.

creare-itinerario-perfetto-viaggio

Organizzarsi nei minimi dettagli o per niente? Questo è il dilemma.

Ci sono viaggiatori che prenotano solo il volo e le prime notti di albergo ed altri che che definiscono a priori ogni singolo spostamento.
Qual’è la scelta giusta? Dipende da te, dal tipo di persona che sei e da come ti piace fare le cose.

Sei una persona organizzata? Hai bisogno di raccogliere più informazioni possibili prima di fare qualcosa?
O al contrario sei una persona istintiva, preferisci decidere tutto all’ultimo, lasciarti travolgere totalmente dall’attimo e dal momento?

Non esiste un modo giusto. Un viaggio in solitaria è un viaggio con sé stessi, per questo è importante farlo con i propri modi e i propri tempi.

In fondo, uno degli aspetti migliori di questo tipo di viaggi è essere esattamente chi sei, senza preoccuparti di dover dimostrare niente a nessuno, nemmeno a te.

Se ti piace organizzare, organizza, non sforzarti di essere una persona più avventuriera di quella che sei, ognuno a le sue piccole avventure, le sue piccole scelte coraggiose, quello che per gli altri può essere banale non lo è per te.

Se invece sei una persona istintiva, abituata a non organizzare niente o quasi, lascia che le cose capitino e non preoccuparti di sembrare incosciente o irresponsabile, probabilmente il numero della persone che tenterà di darti del pazzo aumenterà a dismisura, ma non ascoltare nessuno.

Quando sei solo non esistono scelte giuste o sbagliate, ma solo quello che è giusto per te, ed è proprio seguire i propri bisogni che ti porterà a creare l’itinerario di viaggio perfetto per te.

Ma che tu sia un viaggiatore organizzato o un amante dell’improvvisazione esistono comunque delle fasi da seguire, vediamo quali:

  • Se hai letto il mio post precedente avrai sicuramente già deciso la zona da visitare e il periodo di tempo, a questo punto fatti un’idea dei voli, in base alla zona avrai a disposizione un certo numero di aeroporti, scegli un volo di andata e uno di ritorno in ognuno di essi, giusto per avere un’idea dei prezzi e di come potresti muoverti.
  • Fai una lista di tutto ciò che potrebbe interessarti vedere in quella zona e cerca di capire cosa proprio non puoi perderti.
  • In base a questo decidi come spostarti cercando di ottimizzare i tempi il più possibile, magari in linea retta, con diverse tappe fra un’aeroporto e l’altro, oppure potresti soggiornare solo in uno o due luoghi con vari spostamenti in giornata. Cerca di capire come sono collegate le varie località in modo da avere un’idea generale, anche se decidi di non prenotare gli alloggi ti servirà per prenotare i voli.
  • Sforzati comunque di improvvisare un po, si anche tu super organizzatore, fissa solo i luoghi dove soggiornare, per il resto limitati ad informarti su quello che potresti fare e come, raccogli tutte le informazioni che vuoi, ma non decidere a priori che lo farai.
  • Non strafare, è davvero facile farsi prendere dalla voglia di vedere più cose possibili, io stessa ci casco quasi sempre, ma un luogo non è fatto solo dai cerchi sulla piantina, oltre al tempo per visitarlo ti servirà anche del tempo per viverlo, per perdertici e per capirne l’essenza. Se davvero non riesci ad eliminare niente prendi in considerazione l’idea di aggiungere qualche giorno.

map-455769_1280E io? che viaggiatrice sono?

Un’organizzatrice naturalmente, e della peggior specie, raccolgo molte più informazioni di quelle che poi riesco a sfruttare, mi preparo addirittura una lista dei ristoranti che mi piacerebbe provare e controllo così tante cose che a volte mi dimentico cosa era riferito a cosa.

Amo organizzarmi il viaggio quasi quanto amo viaggiare, devo dire che fin’ora il gioco è sempre valso la candela; informarsi su tutto richiede tempo ma te ne fa risparmiare tanto durante il viaggio, che poi è quello il tempo che conta.

E tu che viaggiatore sei? O che viaggiatore credi di essere? Scrivimelo nei commenti.

Se hai trovato qualche informazione utile ricordati di mettere un bel mi piace alla mia pagina Facebook per non perderti più nessun articolo e se hai ancora dubbi non esitare a chiedermi consigli.

Creare l’itinerario di viaggio perfetto per noi ultima modifica: 2016-04-05T17:41:41+00:00 da Francesca
Previous Post Next Post

You Might Also Like

6 Comments

  • Reply Tyreal 5 Aprile 2016 at 21:39

    Istintivo, senza dubbio, ma col tempo ho imparato a stemperare la cosa e a organizzare quanto basta. A volte è andata male, ricordo un rocambolesco ritorno da Parigi in cui usai diversi mezzi per raggiungere il confine, perché un problema burocratico mi impedì di imbarcarmi a Beauvais (oh, Ryanair… 😀 ) oppure una traversata sfumata in Norvegia per un insospettabile sciopero dei traghetti… A volte, invece è andata bene, sconfinando in luoghi che non avevo preventivato e conoscendo persone che ancora sento con piacere. La prossima volta come sarà? Non lo so, per adesso prenoto il volo e la prima notte, poi vediamo 😀

  • Reply Michele 6 Aprile 2016 at 5:18

    Complimenti Francesca, bel pezzo!
    Io organizzavo tutto fino al minimo dettaglio, appunto come te scegliendo addirittura i ristoranti prima. Ricordo il mio ultimo viaggio negli Stati Uniti: avevo una scaletta di viaggio impressionante, programmata ora per ora. È stato fantastico, ma ho veramente corso parecchio. Addirittura per Las Vegas avevo acquistato uno spettacolo del Curque du Soleil direttamente dall’Italia, nonché buoni Groupon e simili per cene, colazioni, monorotaia. Ora invece mi lascio guidare dagli eventi, cercando informazioni quando sono poi sul posto, esplorando, perdendomi. Certo, ora ho tempo a disposizione: se avessi le ferie contate continuerei a decidere tutto prima per sfruttare ogni minuto.

    • Reply Francesca 8 Aprile 2016 at 17:28

      Grazie mille Michele =) Più passa il tempo più cerco di fare meno però voglio comunque prenotare gli alberghi prima, e dovendo prenotare quelli devo capire più o meno come muovermi, per il resto faccio solo delle liste su quello che potrei fare. Alla fine perdo ore ad accumulare informazioni che gli uffici turistici mi danno in cinque minuti, ma che ci vuoi fare, sono fatta così 😀

  • Reply Viaggiare da soli: Come superare la paura e partire - Io viaggio con me 22 Aprile 2016 at 17:23

    […] Fatto questo è tempo di creare l’itinerario, fatti un’idea più o meno generale sul viaggio che vuoi fare e del budget che hai a disposizione, non aspettare di accumulare più soldi ma muoviti con quelli che hai o ti ritroverai di nuovo a rimandare. Crea un viaggio che sia perfetto per te, che sia il tuo viaggio, metti insieme tutto quello che ti appassiona nel luogo scelto e fai in modo di riuscire a vedere tutto. (Qualche consiglio qui) […]

  • Reply carlo 10 Agosto 2017 at 17:46

    Grazie mille, sto pensando al primo viaggio in solitaria, e leggere queste pagine è davvero utile per ritrovare la bussola 🙂

    • Reply Francesca 8 Settembre 2017 at 18:09

      Sono contenta di esserti utile 😉
      Dove stavi pensando di andare?

    Leave a Reply